Art. 2 – Diritto d’autore.

Tutti i contenuti di questo Blog sono coperti dal diritto d’autore, secondo le norme di cui alla legge 633/1941 e successive modifiche, e il loro utilizzo è regolato dai successivi artt. 3 e 4.

giovedì 8 settembre 2016

La casa di mia zia Marisa

Questa notte ho fatto tre sogni distinti ma, purtroppo, ne ricordo solo uno, nonostante mi sia ripromessa di scriverli questa mattina...la mente li ha lasciati andare.

Entravo nella casa dove abitava mia zia Marisa e dove ho trascorso molti giorni della mia infanzia.
Non è la prima volta che la sogno e ogni volta è sempre più fatiscente.

Anche in questo sogno le scale erano faticosissime da fare, in marmo liscio, con un passamano quasi inesistente, tutte storte e non collegate tra loro.

Per arrivare all'appartamento di mia zia e delle mie cugine dovevo fare un'acrobazia, l'ultima rampa era piccola, pendeva nel vuoto e mi metteva molta ansia.

La casa è molto vecchia e nella realtà è sempre stata piuttosto particolare. Senza ascensore e con gradini pericolosi. Ricordo che quaqndo salivo e scendevo, sentivo vibrare il muro...pensavo che un giorno le scale sarebbero crollate nel vuoto.

Nel sogno provavo molta ansia e timore. Dovevo per forza arrivare al terzo piano ma c'erano molte ragnatele, alcune spesse, come quelle che si trovano nelle cantine buie.